I ramarri dei Colli Euganei

Ramarro_lucertola_sofia.jpg

Sofia ha 8 anni e la stoffa di futura naturalista-fotografa. Solo lei riesce a immortalare, sui Colli Euganei, una lucertola che prende il sole quasi abbracciata a un ramarro verdissimo. Ah, che invidia per Sofia.
ramarro Carlotta.jpg
Le altre foto sono di sua mamma, Carlotta Fassina, che abbiamo già conosciuto in questo blog. Vuoi per le sue oche in volo o la cura del Falco pellegrino. O ancora la sua passione (e conoscenza) per i pipistrelli.
ramarroCarlotta2.jpg
Qui siamo alle prese con i ramarri. Bellissimi e verdissimi. Il ramarro è la più grossa lucertola italiana (può raggiungere i 40 cm, coda compresa), e benché prevalentemente insettivoro, come tutte le lucertole, può nutrirsi anche di uova e nidiacei di piccoli uccelli, che riesce a predare grazie alla grande agilità con cui si arrampica sui rami degli arbusti e degli alberi più bassi. 

A differenza della maggior parte delle lucertole, infatti, predilige ambienti non troppo scoperti: boschi radi, prati con erba alta, siepi, cespuglieti, bordi di campi. Non ama il caldo eccessivo, tanto che nelle regioni più meridionali lo si può trovare anche in zone umide o in alta montagna.

Tuttavia al mattino e al tramonto è possibile vederlo su rocce e muretti esposti al sole per la termoregolazione. Come non capirlo…

Tag: ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...