Navarre, storia di un lupo

navarre1.jpg

L’hanno chiamato Navarre. Forse in memoria di quel grande amore narrato dal film Lady Hawke. Forse perché ha combattuto fino all’ultimo per non morire. Forse perché ha ricevuto e donato amore.

Navarre è un povero lupo salvato lo scorso gennaio mentre stava morendo, in un fiumiciattolo dell’Appennino bolognese. Navarre aveva 35 pallini di piombo in corpo.

navarre2.jpg
Sono stati gli uomini della Polizia Provinciale di Bologna e gli esperti del Centro Tutela e Ricerca Fauna Esotica e Selvatica di Sasso Marconi che l’hanno salvato. Immergendosi nel fiume per recuperarlo.

Facendogli la respirazione bocca a bocca quando il suo cuore sembrava si fosse irrimediabilmente fermato. Curandolo. Assistendolo giorno dopo giorno. Amandolo.

E lui, non appena si è ripreso, ha perfino accettato di mangiare un uovo dalle mani di Elisa Berti, responsabile del Centro di Sasso Marconi . Non ha morso nessuno. Non ha aggredito nessuno. 
navarre3.jpg
Navarre, come racconta questo video straordinario , si sta riprendendo grazie all’ assistenza del Centro di Sasso Marconi e l’aiuto di un ottimo centro veterinario a Lodi (il San Michele del dottor Offer Zeira, non nuovo a imprese del genere).
“Navarre va migliorando ed ha dato ormai ottimi segnali di ripresa -spiega a GeaPress Elisa Berti – E’ un sorvegliato speciale, ma un po’ come lo sono tutti i nostri animali, recuperati dalle storie più incredibili”.

Tag: ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...