Oliver, chi ti ha ridotto così?

Oliver era un gatto. Come tanti altri che vagabondano per l nostre città e campagne. Avrà avuto tre anni.

E’ stato trovato moribondo  il 2 febbraio a Montebello, nel vicentino, da una signora che pensava fosse stato investito e che ha avvisato le guardie zoofile dell’ENPA di Arzignano.

oliver.jpg

Il povero gatto aveva il muso e il corpo ricoperto di sangue raffermo. Non riusciva a muoversi e stava agonizzando.

Dopo un’attenta pulizia, quello che poteva a prima vista sembrare un investimento, si è trasformato in una realtà completamente diversa: Oliver aveva gli occhi bianchi e lacerati, il muso, il collo e parte del corpo pieno di fori. Pallini da caccia e non solo. 

Una ferocia inaudita si è abbattuta su Oliver. Gli hanno sparato con il fucile da caccia. Lo hanno accecato e a quel punto è diventato un buon bersaglio per una carabina dotata di ottica di mira e cannocchiale.

Sette colpi diretti.  Ma Oliver non è morto. Viste le gravissime condizioni il veterinario, in accordo con le guardie zoofile, ha deciso di mettere fine alle sue sofferenze praticandogli l’eutanasia.

“Le indagini delle nostre guardie zoofile sono in corso”, dice Renzo Rizzi del Coordinamento protezionistico veneto, ” Vorremmo incastrare l’autore di questa atrocità. Ma non sarà facile perché in quella zona vi è una densità altissima di armi, tanto che il loro numero supera abbondantemente quello dei residenti”.

Chi sa qualcosa che possa essere utile alle indagini contatti Rizzi, 348 9952822.

Tag: ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...