Vivere brevemente, d’amore e di luce

Il giardino di casa che guarda a nord, lontano dalle strade e aperto alla campagna, in queste notti d’estate è un gran spettacolo. 

Appena fa buio le lucciole ci vengono a trovare. Eccole in questa straordinaria immagine firmata dal fotografo giapponese Hiramatsu Tsuneaki.

Hiramatsu_tsuneaki.jpg

 Ogni sera esco quasi in punta di piedi e le spio. Così tante erano alcuni anni che non le vedevo.  Amano l’umidità le lucciole e la primavera piovosa di quest’anno ce ne ha regalata davvero tanta di acqua.

Attraverso il giardino e sembra che mi seguano. Mi fermo. Ho paura di toccarle. Sembrano così fragili. Sono grandi meno di una graffetta, vivono un paio di mesi al massimo, lampeggiano d’amore.

In Giappone sono amatissime e protette dalla legge.

La lucciola è un coleottero, un animale notturno della famiglia dei Lampiridi. Mi dicono che ci sono 2mila specie di lucciole. Chissà come fanno a distinguerle.

La loro luce si trova sotto l’addome e nasce dall’unione di ossigeno e di una sostanza chiamata luciferina. E’ una luce che si produce quasi senza calore, è intermittente e lampeggia in modo diverso secondo la specie.

lucciola.jpg
Ogni intermittenza è uno specifico segnale ottico che aiuta le lucciole a individuare il partner.

Vengono deposte a terra le uova della lucciola. Qui le larve si sviluppano e diventano adulte mangiando vermi e lumache dopo aver iniettato nelle povere vittime un fluido che le paralizza.

Ho letto che una volta diventate adulte le lucciole preferiscono mangiare nettare o polline. Alcune poi non mangiano affatto.

Brevemente vivono d’amore e di luce.

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...